“Gli Affreschi delle Palazze − The Palazze Frescoes. Una storia fra Umbria e America”

La “Romeyne Robert and Uguccione Sorbello Foundation” ha organizzato  una serie di incontri in alcune città americane per presentare i risultati di un innovativo studio sugli affreschi duecenteschi del monastero delle Clarisse di Santa Maria inter Angelos presso Spoleto, detto “le Palazze”.  Nel diciannovesimo secolo il convento fu abbandonato e nel 1920 una porzione degli affreschi fu rimossa e trasferita in cinque musei americani della East Coast, il Museum of Fine Arts di Boston, il Fogg Art Museum della Harvard University a Cambridge, il Wadsworth Atheneum Museum of Art a Hartford, il Worcester Art Museum, il Glencairn Museum a Bryn Athyn presso Filadelfia. Nel 1964 i frammenti rimanenti vennero rimossi e posizionati nel Museo del Ducato di Spoleto.

Questa splendida serie duecentesca ha attirato negli anni l’attenzione di molti importanti studiosi tra cui anche Roberto Longhi, ma mancava, fino ad ora, una lettura integrale del ciclo e un’analisi del contesto entro il quale esso fu ideato. Proprio verso questi obiettivi si è orientato un progetto di ricerca internazionale e multidisciplinare guidato da Tommaso di Carpegna Falconieri e Grazia Maria Fachechi, dell’Università di Urbino, con la presenza di eminenti studiosi italiani e americani. Risultato di alcuni anni di lavoro, il progetto è oggi confluito in una elegante pubblicazione illustrata in doppia lingua (italiano e inglese), corredata da un DVD con una ricostruzione virtuale degli affreschi, riprodotti nella loro sede originaria, realizzato grazie a sofisticate tecnologie digitali.

In questi giorni ho introdotto i risultati di questo interessante progetto, pubblicato nel volume: “Gli Affreschi delle Palazze − The Palazze Frescoes. Una storia fra Umbria e America” (Gangemi, Roma 2017),  nelle presentazioni organizzate presso:

  • Holy Cross College di Worcester (MA), 24 ottobre;
  • Temple University, Ritter Hall, Kiva Auditorium, Philadelphia (PA), 27 ottobre;
  • Glencairn Museum, Philadelphia (PA), 27 ottobre.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.